3 Giugno 2020, 13:03

CONEGLIANO: LEGNANTE MONDIALE, TROST A 1.82

Legnante_Fallai_resizeIl 23° meeting di Conegliano decolla sin dalle prime gare. Alessia Trost, l’atleta più attesa, è ancora impegnata sulle quote più basse, quando, sulla pedana del peso, entra in scena Assunta Legnante e la prima spallata è subito potentissima: 16.87, record del mondo paralimpico migliorato di 8 centimetri rispetto al primato stabilito dalla stessa atleta lo scorso anno a Lione. La napoletana, diventata una stella dell’atletica paralimpica a causa di un glaucoma congenito che l’ha resa cieca, non si ferma però qui e, al terzo tentativo, fa ancora meglio: 17.09, record mondiale. Il progresso rispetto alla miglior misura del 2013 è di 30 centimetri. “Sapevo di essere in condizione e di valere una misura importante – ha commentato la Legnante -. Vivo alla giornata, passo dopo passo, ma alla Paralimpiade di Rio mi piacerebbe fare peso e disco”. L’urlo di Assunta ha nobilitato la serata coneglianese, che attendeva con curiosità il debutto stagionale della Trost. La progressione della pordenonese è lineare sino all’1.82, misura superata al primo tentativo come le precedenti, ma sulla quota successiva, a 1.85, Alessia dimostra che la forma non è ancora quella dei giorni migliori e la misura, normalmente d’ordinaria amministrazione, risulta invece invalicabile. Spazio, allora, alla compagna d’allenamento Desirée Rossit che prima supera 1.85 e poi tenta inutilmente l’1.88 del nuovo primato personale. “Le sensazioni sono state positive – ha spiegato la Trost dopo la gara -. E’ stato un rientro emozionante, la pedana era ottima e l’1.85 era alla portata. Gareggerò tra una settimana a Gorizia, spero di essere al meglio per gli Europei”. Il senegalese Mor Seck domina gli 800 in 1’46”55, precedendo Rifesser (1’48”85) e lo junior Riccobon (1’49”12). Quarto un altro under 20, Lorenzo Pilati, sceso a 1’49”76, lasciapassare per i Mondiali juniores di Eugene. Tra le donne, vittoria di Erica Franzolini (2’05”42), con il bel progresso della non ancora ventenne Elisa Bortoli (2’07”38), mentre la junior Irene Vian, quarta, fa il personale ma manca di un soffio la qualificazione iridata under 20, correndo in 2’09”05 (il limite era 2’08”75). Ottima gara di giavellotto con tre atleti sopra i 75 metri: 75.60 di Roberto Bertolini, 75.57 di Leonardo Gottardo e 75.07 di Antonio Fent. A Marco Dodoni, primo nel peso (17.78, davanti al veterano Dal Soglio), il Trofeo Toni Fallai. Elisa Zanei s’aggiudica il lungo con un balzo a 6.29. In chiusura, detto della volata di Martina Giovanetti nei 100 (11”86 controvento), bel 3000, con lo junior Yemaneberhan Crippa che scende a 8’09”89 nella gara vinta dal keniano Paul Kipchumba Sugut (8’09”44).

RISULTATI. UOMINI. 100 (-0.8): 1. Luca Valbonesi (Imola Scami Avis) 10”77, 2. Edoardo Calderaro (Biotekna Marcon) 10”99, 3. Alberto Rontini (Atl. 85 Faenza) 11”00. 800: 1. Mor Seck (Sen) 1’46”55, 2. Lukas Rifesser (Esercito) 1’48”85, 3. Enrico Riccobon (Athletic Club Firex Bl) 1’49”12, 4. Lorenzo Pilati (Valli di Non e Sole) 1’49”76. 3000: 1. Paul Kipchumba Sugut (Ken) 8’09”44, 2. Yemaneberhan Crippa (Gs Valsugana Trentino) 8’09”89, 3. Stefano Guidotti Icardi (Cus Torino) 8’10”36. 110 hs (-1.4): 1. Stefano Tedesco (FF.GG.) 14”43, 2. Yasel Lisme Abril (Cus Pisa Atl. Cascina) 14”83, 3. Francesco Marconi (Trevisatletica) 15”19. Alto: 1. Lorenzo Biaggi (Riccardi Milano) 2.09, 2. Andrea Gallina (Quercia Trentingrana) 2.05, 3. Alberto Gasparin (Brugnera Friulintagli) 2.05. Peso: 1. Marco Dodoni (Forestale) 17.78, 2. Paolo Dal Soglio (Carabinieri) 17.23, 3. Andrea Ricci (Enterprise Sport & Service) 16.26. Giavellotto: 1. Roberto Bertolini (FF.OO.) 75.60, 2. Leonardo Gottardo (Aeronautica) 75.57, 3. Antonio Fent (Carabinieri) 75.07. Disabili. 100: 1. Giandomenico Sartor (Aspea) 15”28, 2. Federico Mestroni (Pol. Nordest Gradisca) 18”10, 3. Alvise De Vidi (Aspea Padova) 22”88.

DONNE. 100 (-1.8): 1. Martina Giovanetti (Forestale) 11”86, 2. Amy Fabè Dia (G.A. Aristide Coin Venezia 1949) 12”27, 3. Marinella Maggiolo (Gs Valsugana Trentino) 12”34. 800: 1. Erica Franzolini (Brugnera Friulintagli) 2’05”42, 2. Lorenza Canali (FF.AA.) 2’06”11, 3. Elisa Bortoli (Atl. Brescia 1950) 2’07”38, 4. Irene Vian (Silca Conegliano) 2’09”05. 100 hs (-0.4): 1. Giulia Tessaro (FF.OO.) 13”70, 2. Silvia Zuin (Bracco Atl.) 13”89, 3. Giada Carmassi (Brugnera Friulintagli) 14”06. Alto: 1. Desirée Rossit (FF.OO.) 1.85, 2. Alessia Trost (FF.GG.) 1.82, 3. Eleonora Omoregie (Malignani) 1.79. Lungo: 1. Elisa Zanei (Gs Valsugana Trentino) 6.29 (+1.2), 2. Martina Lorenzetto (Silca Conegliano) 5.96 (0.0), 3. Francesca Paiero (Brugnera Friulintagli) 5.80 (+1.6). Peso: 1. Francesco Stevanato (Atl. Brescia 1950) 14.21, 2. Flavia Severin (Cus Parma) 14.10, 3. Beatrice Gatto (Quercia Trentingrana) 12.04. Disabili. Peso: 1. Assunta Legnante (Enterprise Sport & Service) 17.09.

-RISULTATI

Foto di Gabriele Marsura

Check Also

WEBINAR, CHE SUCCESSO. AGOSTINI: “IL FINE E’ SEMPRE PIU’ IMPORTANTE DEL MEZZO”

A maggio è ripreso il lavoro del Settore Tecnico Regionale: sono state dedicate tre serate …