5 Giugno 2020, 20:35

PROVE MULTIPLE, CAIROLI ANCORA TRICOLORE. E L’ALLIEVA IAPICHINO SALTA 6.36

Larissa 6.36 in azione_FIDAL VENETOSimone Cairoli si conferma sul trono delle prove multiple. Il ventottenne comasco dell’Atletica Lecco-Colombo Costruzioni ha vinto la gara assoluta di eptathlon ai campionati italiani indoor, svoltisi nel weekend a Padova. E’ il suo quarto titolo tricolore indoor, dopo quelli vinti – sempre a Padova - nel 2014, 2015 e 2017. Per lui, un bottino di 5.517 punti. Argento per Alexander Demetz (Atletica Gherdeina Raiffeisen/5.274 punti), bronzo per Marco Leone (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni/5.249 punti), che ha anche vinto il titolo italiano promesse. Sul podio under 23 pure Matteo Taviani (Virtus Cr Lucca/5.119 punti) e Matteo Chiusolo (Sportrace/5.104 punti). Lorenzo Naidon (Us Quercia Trentingrana) ha vinto il titolo italiano juniores. Sesto assoluto, e miglior veneto, il trevigiano dell'Assindustria Sport Padova, Matteo Miani. Il diciassettenne trentino ha realizzato 5.247 punti, staccando di otto lunghezze Riccardo Miglietta (Atletica Vicentina/5.239 punti) che lo precedeva in classifica prima dei 1000 metri. Terzo Dario Dester (Cremona Sporiva Atl. Arvedi/5.039 punti). Veronica Besana (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni) è la regina nel pentathlon allieve con 3.840 punti, miglior prestazione italiana di categoria. Oltre al vecchio primato Mul_ass(i 3.707 punti realizzati da Larissa Iapichino due settimane fa, sempre a Padova) vanno anche Veronica Zanon (Vis Abano/3.756 punti) e la stessa Iapichino (Atl. Firenze Marathon S.S./3.739 punti). La non ancora sedicenne toscana, figlia di Gianni Iapichino e Fiona May, è atterrata 6.36 nel lungo, realizzando la miglior prestazione italiana indoor di categoria (precedente: 6.27 di Maria Chiara Baccini il 28 gennaio 1998 a Firenze), ma anche andando oltre il record italiano juniores (precedente: 6.31 sempre di Maria Chiara Baccini il 14 febbraio 1999 ad Ancona). Una prestazione da incorniciare, al termine di una gara in crescendo: 6.03, 6.13, 6.36. Ad Alessandro Sion (S.A.F. Atletica Piemonte) si è imposto nel pentathlon allievi con 3.477 punti. Argento per Michele Bertoldo (Atl. Vicentina/3.397 punti), bronzo per Lorenzo Novo (Atl. Canavesana/3.393 punti).       

IL DETTAGLIO DELLE PROVE MULTIPLE

EPTATHLON – la seconda giornata inizia con la volata di Simone Cairoli (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni) nei 60 ostacoli: con 8”29 il comasco, campione uscente, supera Alexander Demetz (Atl. Gherdeina Raiffesisen) che non fa meglio di 8”68. Matteo Miani (Assindustria Sport Padova) raccoglie punti importanti nell’asta (4.80), gara che permette a Cairoli (4.50) di allungare ulteriormente su Demetz (4.00). Mentre Marco Leone (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni), saltando 4.50, si conferma terzo in classifica generale e miglior promessa. I 1000 metri non cambiano la classifica: Simone Cairoli corre in 2’45”46 e si conferma sul trono dell’eptathlon.     

EPTATHLON JUNIORES I 60 ostacoli incoronano Riccardo Miglietta (Atl. Vicentina) che ferma il cronometro a 8”39 e supera in classifica Lorenzo Naidon (Us Quercia Trentingrana). Il trentino, leader in graduatoria al termine della prima giornata di gare, non fa meglio di 8”68, finendo anche alle spalle anche di Pietro Vicentini (Atl. Insieme Verona), che corre in 8”51. Ora, in graduatoria generale, Miglietta precede Naidon di 58 punti: 3.935 punti contro 3.877. Gara apertissima. Nell’asta brilla Luca Barbini (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni), con 4.50. Naidon fa meglio di Miglietta (4.20 contro 4.00). E, prima dei 1000 metri finali, il vicentino precede il trentino in classifica generale di appena 2 punti. Naidon li corre 2’56”74, esattamente un secondo meglio di Miglietta: il titolo italiano è suo con 5.247 punti. Miglietta arriva a quota 5.239. Terzo Dario Dester (Cremona Sportiva Arvedi) con 5.039 punti.

PENTATHLON ALLIEVI – Pietro Sfenopo (Atl. Cento Torri Pavia) è il più veloce nei 60 ostacoli (8”41). Nel lungo sale in cattedra Davide Favro (Atl. Canavesana), autore di un gran salto a 7.01. Ma il peso trova un altro protagonista: Alessandro Sion (S.A.F. Atletica Piemonte) lancia a 13.21 e – dopo tre gare - balza in testa alla classifica generale, con un vantaggio di 49 punti sul conterraneo Favro. Sion resta in testa alla classifica anche dopo la gara di alto, dove arriva secondo con la stessa misura (1.86) del vincitore, Paul Tecuceanu (Audace Noale). Alle sue spalle, staccato di 126 punti, ancora Favro. I 1000 metri finali non cambiano la situazione: titolo italiano a Sion (3.477 punti), ma bella rimonta di Michele Bertoldo (Atletica Vicentina) che, correndo in 2’46”98, sale al secondo posto in classifica (3.397 punti). Bronzo per Lorenzo Novo (Atl. Canavesana) con 3.393 punti.

PENTATHLON ALLIEVE – Veronica Besana (Atl. Lecco-Colombo Costruzioni) inizia alla grande, volando nei 60 ostacoli: 8”47. Poi divide la miglior misura nell’alto – 1.65 – con Rebecca Menchini (Atl. Stronese-Nuova Nordaffari), Veronica Zanon (Vis Abano) e Sara Chiaratti (S.S. Trionfo Ligure). Dopo due gare, la favorita Larissa Iapichino (Atletica Firenze Marathon S.S.), figlia di Gianni e Fiona May, è settima a 270 punti dalla leader in classifica, Veronica Besana. Elisabetta Baldelli (Atl. Csain Perugia) finisce davanti a tutte nel peso (11.96), ma Besana (9.88) resta davanti in graduatoria generale. Il lungo conferma il talento di Larissa Iapichino: la non ancora sedicenne, doppia figlia d’arte, atterra a 6.36 dopo una serie in crescendo (6.03, 6.13, 6.36). Ma la Besana, con 5.63, resta ancora davanti in classifica (3.090 punti contro 3.012). Nei 400, grande prova di Veronica Zanon, che corre in 57”61. Besana meglio di Iapichino (58”76 contro 59”32): il titolo italiano è suo con 3.840 punti, nuova miglior prestazione italiana di categoria. Argento per Veronica Zanon (3.756 punti), bronzo per Larissa Iapichino (3.739).

RISULTATI GARE EXTRA – UOMINI. 400: 1. Amel Tuka (BIH) 47”41, 2. Andrea Blesio (Cus Pro Patria Milano) 48”83. 1500: 1. Mohad Abdikadar Sheik Ali (Aeronautica Militare) 3’46”15, 2. Enrico Riccobon (Atl. Brugnera Friulintagli) 3’46”41. Triplo: 1. Amedeo Vannini (Cus Pisa) 14.35. DONNE. 400: 1. Ilaria Vitale (Lib. Friul Palmanova) 54”87, 2. Rebecca Borga (Atl. Biotekna Marcon) 55”15. 1500: Joyce Mattagliano (C.S. Esercito) 4’23”19.

Nelle foto di Eduard Ardelean e Roberto Passerini: il salto di Larissa Iapichino e il podio assoluto dell'eptathlon.

RISULTATI COMPLETI

Check Also

SOSTEGNO ALLE SOCIETA’: NUOVO SPORTELLO FIDAL

Un nuovo servizio per le società. Uno Sportello per rispondere alle esigenze dei club che lavorano ogni …