19 Gennaio 2021, 2:42

ATLETI ITALIANI DELL’ANNO: APPLAUSI PER CRIPPA, BOGLIOLO, DIAZ E MAZZENGA  

Yeman Crippa tra gli uomini, Luminosa Bogliolo tra le donne: sono il re e la regina del sondaggio Atleta dell’Anno 2020! Il mezzofondista trentino che in questa stagione si è impadronito dei record italiani dei 3000 (7’38”27) e dei 5000 (13’02”26), e l’ostacolista ligure che in più occasioni ha sfiorato il record nazionale sulle barriere alte sono risultati i vincitori dell’iniziativa lanciata dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera, con l’obiettivo di premiare gli atleti in grado di interpretare meglio la stagione, nonostante ogni difficoltà che si è presentata. A decretare i vincitori è stato il mix dei voti espressi dalla giuria di qualità (giornalisti, consiglieri federali, tecnici) e dei voti espressi da tutti gli appassionati sulle pagine social della FIDAL (Facebook e Instagram). E’ anche una splendida doppietta per le Fiamme Oro Padova.
Straordinaria la stagione di Crippa che ha riscritto, prima a Ostrava (5000) e poi al Golden Gala Pietro Mennea di Roma (3000), due primati che resistevano da decenni: nel caso dei 5000, il 24enne allenato da Massimo Pegoretti ha migliorato il record che da trent’anni era in possesso di Totò Antibo, mentre nei 3000 ha superato il limite italiano che dal 1996 apparteneva a Gennaro Di Napoli. Ha anche avvicinato il record nazionale del miglio e ha corso il 1500 italiano più veloce dal 1996. E il suo 2020 non è ancora terminato, perché il 31 dicembre a Bolzano andrà all’assalto di un crono significativo sui 5 km della BOclassic. Al femminile, la 25enne Bogliolo, allenata da Antonio Dotti ed Ezio Madonia, si è assicurata il premio grazie alla continuità dimostrata nel corso della stagione, mancando di soli tre centesimi il primato italiano dei 100hs (12”79 a Turku il suo miglior tempo dell’anno). Nelle sue statistiche resterà anche una vittoria in Wanda Diamond League a Stoccolma.
I titoli di Atleti dell’Anno under 20 sono andati al lanciatore Carmelo Musci e alla lunghista Larissa Iapichino, che ha preceduto la campionessa italiana assoluta e primatista U20 dei 200 metri Dalia Kaddari, a sua volta portacolori delle Fiamme Oro Padova, autrice di 23”23 in stagione.
I master dell’anno? Aramis Diaz ed Emma Mazzenga. Sono loro i vincitori dell’iniziativa Atleta dell’Anno 2020 per la categoria master. Il successo al maschile è andato a Diaz (Atl. Biotekna Marcon), 46 anni, protagonista di una doppia impresa da record mondiale di categoria: dopo aver firmato il limite M45 sui 400 ostacoli, in 53”90 nella batteria degli Assoluti di Padova, è riuscito a migliorarlo una settimana più tardi con 53”57 a Roma, la città dove vive ormai da diversi anni. E alla rassegna tricolore di Arezzo il cubano di origine, ma italiano per matrimonio, con il dominio anche su 200 e 400 ha completato un tris di titoli. Al femminile viene premiata l’intramontabile Mazzenga, 87enne dell’Expandia Atletica Insieme Verona, che ha allungato la sua formidabile serie di primati realizzando quello europeo W85 dei 400 metri ad Arezzo in 1’47”91. L’ennesimo exploit per la padovana “Mimma”, ex insegnante di scienze e chimica.

 

Check Also

DOMENICA TORNA IL CROSS CITTA’ DELLA VITTORIA: ISCRIZIONI APERTE SINO A MARTEDI’  

Il Covid non ferma il Cross Città della Vittoria. Certo, domenica 24 gennaio, in area …