19 Ottobre 2019, 16:55

CRIPPA, ROYAL RECORD: 27’44”21 ALL’ESORDIO NEI 10.000

Crippa_YemanUn'altra grande gara per Yeman Crippa. In Coppa Europa a Londra, al debutto assoluto sui 10.000 metri, il 21enne delle Fiamme Oro chiude al terzo posto e riscrive il record italiano under 23, fermando il cronometro a 27’44”21. L'azzurro, dopo il 13’18”84 realizzato nei 5000 metri a Palo Alto (4 maggio), si impossessa di un di un altro primato di Francesco Panetta che il 2 luglio del 1995 a Stoccolma aveva corso 27’44”65. Crippa diventa così il decimo italiano di sempre a livello assoluto e il quinto europeo under 23 alltime. Senza dimenticare che, grazie a questo ottimo risultato, il campione europeo U23 dei 5000 metri si mette in tasca, con ampio margine, il pass di iscrizione anche per i 10.000 metri degli Europei di Berlino. Oggi meglio di lui hanno fatto solo il tedesco Richard Ringer (27’36”52) e il francese Morad Amdouni (27’36”80).

“È stata una gara perfetta per me - racconta Yeman avvolto nel tricolore con la sua immancabile cresta scompigliata di capelli -, sono davvero contentissimo. Sotto i 28 minuti non ci speravo, perché era il mio primo 10.000 su pista e non sapevo come avrei reagito mentalmente. Pensavo che fosse molto più dura, invece fino a metà gara mi sono divertito. Ho trovato una posizione ottima e sono rimasto lì, quando c’erano degli strappi cercavo di rimanere attaccato con calma. Ora ci sono nuovi obiettivi, questo era solo uno step verso gli Europei di Berlino”.

Al femminile continua la collezione di record personali di Giovanna Epis. La 29enne veneziana dei Carabinieri dopo i progressi in maratona (2h29’41” a Siviglia), non perde l'occasione nemmeno per ritoccare il suo crono più veloce sui 10 chilometri in pista. Oggi l'azzurra porta a termine la gara in 33’14”71, togliendo quasi mezzo minuto al record personale di sette anni fa. Per lei c'è il quarto posto nella serie B vinta dalla romena Roxana Birca in 32’30”97 (da www.fidal.it).

-Foto FIDAL/COLOMBO

Check Also

ARRESTO CARDIACO, A TREVISO ATLETA SALVATO DAL DEFIBRILLATORE

Qualcuno lo definisce eroe. Lui preferisce dire che quello, in fondo, è il suo lavoro. …