19 Giugno 2024, 13:42

FESTA FIAMME ORO: STANO MARCIA SUL MONDO  

Stano ma vero. Un monumentale Massimo Stano è campione del mondo. Dopo l’oro olimpico di Tokyo nella 20 km, il marciatore azzurro delle Fiamme Oro Padova trionfa anche ai Mondiali di Eugene, stavolta nella nuova distanza della 35 km, al termine di una gara strepitosa, completata con il record italiano, 2h23’14”, e con un forcing finale devastante negli ultimi cinque chilometri (parziale di 19’50”), dove ha staccato tutti gli avversari che erano rimasti in gruppo insieme a lui nei primi trenta. Piegato nell’ultimo chilometro il giapponese Masatora Kawano che partiva da leader mondiale stagionale, argento in 2h23’15”. Bronzo allo svedese Perseus Karlstrom (2h23’44”). L’Italia torna sul gradino più alto del podio ai Mondiali all’aperto dopo diciannove anni: tanti ne sono passati dall’oro di Giuseppe Gibilisco nell’asta a Parigi 2003. Con la vittoria del 30enne barese di Palo del Colle, allenato da Patrizio Parcesepe (a sua volta sempre più nel mito), è il sesto titolo mondiale per gli azzurri della marcia dopo quelli di Maurizio Damilano (1987 e 1991) e Michele Didoni (1995) nella 20 km, Anna Rita Sidoti nei 10.000 (1997) e Ivano Brugnetti nella 50 km (1999).

LE PAROLE DI STANO – “Sono riuscito a dimostrare di avere un’egemonia su entrambe le distanze, che poi era quello che più mi interessava per la gara di oggi, capire quanto fossi competitivo su questa distanza. Vincere un’Olimpiade sulla 20 km e l’anno dopo i Mondiali nella 35 km non era per nulla scontato. Sono stra-contento e stra-stanco: ma oggi a 7-8 km dall’arrivo ho fatto capire a tutti gli altri che potevano giocarsi soltanto l’argento”.

Era soltanto la sua terza 35 km in carriera dopo quella di Gioiosa Marea nel 2019 e quella di Dudince in aprile. Ma è già il re della specialità: “È stata davvero dura, Kawano è rimasto attaccato fino alla fine, sentivo il fiato sul collo. Per la maggior parte della gara ho risparmiato energie facendomi tirare dagli altri – racconta – Ogni tanto cercavo di dettare il ritmo e di tornare nel gruppo per conservare il più possibile. La gara era veloce, ho cercato di guardare pochissimo il cronometro per non farmi influenzare dai ritmi. Mi sentivo bene, negli ultimi quindici km c’è stata una progressione netta e negli ultimi 5 km non so dove ho trovato l’energia, perché mi sentivo quasi svenire. Ma volevo così tanto vincere che ho detto… ‘puoi svenire dopo l’arrivo!’. Non mi sono mai sentito realmente in crisi, riuscivo sempre a reagire, ci siamo allenati tanto in sofferenza, e quindi la sofferenza di oggi era più che conosciuta. Non mi ha spaventato”.

A dodici mesi da Tokyo, è un’altra giornata memorabile, da condividere con la persone care: “Ci tenevo tanto, volevo dimostrare che l’anno scorso non è stato un caso – prosegue l’azzurro – La dedica è per mia moglie Fatima e mia figlia Sophie, per Antonella Palmisano che non ha potuto gareggiare e sono sicuro avrebbe potuto confermare l’oro: la aspetto più aggressiva di prima, insieme possiamo riscrivere la storia. Le sue parole di ieri mi hanno aiutato tanto, come quelle di Ivano Brugnetti. Sono incredulo ancora una volta, non è scontato, mi viene da piangere e da ridere”.

Probabilmente essere stato celebrato meno dopo Tokyo mi ha dato meno pressioni – aggiunge – non ho avuto tantissimi problemi durante la stagione, questo certamente mi ha dato la possibilità di riconfermarmi ma sono sicuro che anche gli altri campioni olimpici azzurri hanno dato il massimo. L’atletica non è matematica. Nell’ultimo giorno del Mondiale quest’oro dà fiducia a tutta l’atletica e sono sicuro che la marcia avrà pian piano una visibilità maggiore in Italia. Agli Europei di Monaco farò la 20 km, quel che viene viene. E rivolgo un appello al Cio: il mio sogno è doppiare la 20 km e la 35 km alle Olimpiadi. Spero che possano esaudire il mio desiderio perché la ‘trentacinque’ individuale non è nel programma”.

I VENETI AI MONDIALISTART LIST E RISULTATI – TV E STREAMING – FOTOGALLERY – LA SQUADRA ITALIANA –ISCRITTI – STATISTICS HANDBOOK – LA PAGINA WORLD ATHLETICS DEI MONDIALILE BIO DEI 60 AZZURRI DI OREGON 2022 (PDF) 

 (foto COLOMBO/FIDAL)

 

CHIUDI
CHIUDI