21 Novembre 2019, 13:01

MASTER: 5 TITOLI TRICOLORI VENETI AI CAMPIONATI ITALIANI DI TRAIL CORTO E TRAIL LUNGO

(a cura di Silvia Gottardo - Redazione Master) Da giovedì 25 a domenica 28 luglio gli appassionati di corse in ambiente naturale hanno avuto a disposizione ben quattro eventi  di diversa portata, tutti organizzati da Ultrabericus Team ASD nel contesto delle Piccole Dolomiti Vicentine: giovedì sera il Maistrack Summano Vertical, 1000 mt di dislivello su una distanza di poco più di  3 km, gara valida come Campionato Individuale regionale Assoluto, Promesse e Master di corsa in montagna chilometro verticale [Link alla news]; venerdì 26 e sabato 27 il Trans d’Havet Ultra trail, 80 km con dislivello positivo di 5500mt, valido come Campionato Italiano Assoluto e Master di  Trail lungo; sabato 27 Trans d’Havet Marathon, 40km con dislivello positivo di 2500mt, gara valida come Campionato Italiano Assoluto e Master di  Trail corto, e per finire domenica 28 il Campogrosso Mountain Classic, gara di 13,3 km con dislivello positivo di  1250 mt valida come Campionato Italiano individuale e di società di corsa in montagna classica per le categorie Senior, Promesse e Junior, nonché come Campionato regionale individuale Assoluto, Juniores,Promesse e Master della stessa specialità [Link alla news].

I due trail hanno registrato complessivamente oltre 700 iscritti, 351 per la prova più lunga e 374 per la gara di 40 km; in particolare in deciso aumento rispetto allo scorso anno il numero di iscritti a questa seconda prova, che pur essendo “corta” è sempre una distanza di tutto rispetto e destinata ad atleti esperti ed allenati alle corse in montagna.

Il percorso, la cui traccia originale è stata modificata venerdì a seguito delle pessime previsioni metereologiche per la giornata di sabato, senza peraltro variarne distanza e dislivello complessivi,  si è articolato attraverso strade, mulattiere e sentieri CAI di diversi gradi di difficoltà, dal turistico a quello per escursionisti esperti.

TRAIL LUNGO
Gli atleti  dell’ultratrail (326 dei 351 iscritti) sono partiti a mezzanotte di sabato 27 da Piovene Rocchette, hanno raggiunto prima il Monte Summano, poi il Novegno, il Monte Alba, la Strada delle 52 gallerie del Pasubio e l’omonima cima, la strada degli Eroi, per arrivare al  Monte Cornetto e alla Selletta di Nord Ovest, punto di partenza del trail corto; poco più avanti, all’altezza di Passo Campogrosso, la variante adottata per motivi di sicurezza ha evitato la salita al rifugio Fraccaroli e riportato gli atleti verso Recoaro, da qui a Recoaro Mille e Sella del Campetto, quindi Passo della Porta, contrada Gebbeni e infine l’ultimo tratto fino all’arrivo a  Valdagno in piazza Municipio.
Un susseguirsi di saliscendi per un totale di 5500 metri di dislivello, 80 km da percorrere in un tempo massimo di 23 ore, con diversi cancelli orari a selezionare gli atleti.
Ben 59 i ritirati, a conferma delle difficoltà che caratterizzano questa prova; i primi tre al traguardo Giovanni Tacchini (G.S. C.S.I. Morbegno), al primo anno in categoria Master (per essere più precisi ha compiuto i 35 anni solo cinque giorni fa!), primo in 9:58.51, poi Mirko Cocco (Tornado VE), classe 1998, al secondo posto in 10:19.35, e infine Stefano Maran (G.S. Alpini Vicenza), terzo assoluto e primo atleta master veneto al traguardo (crono 10:32.38), primo anche di categoria Master B.

Sul gradino più alto del podio femminile troviamo invece Francesca Pretto (Atl. Vicentina), che ha terminato la gara in 11:16.40, prima in categoria Master A; per l’atleta vicentina, che giusto un mese fa era arrivata terza donna assoluta alla Lavaredo Ultra Trail, si tratta della terza vittoria consecutiva dell’ultra Trans d’Havet; dopo di lei Alessandra Boifava, atleta di casa (Ultrabericus Team Asd), seconda donna assoluta e seconda di categoria Master A, crono 11:32.05, terza Anna Conti (Atletica Paratico – Bs), che completa il podio femminile assoluto e di categoria master A con un tempo di 12:19.41.  

Vediamo, in ordine di arrivo, gli altri master veneti che si sono guadagnati una piazza nelle rispettive categorie oltre a Maran, Pretto e Boifava: Filippo Dal Maso (Faizanè Runners Team VI), terzo categoria Master A, 11:04.01; Giorgio Guasina (Faizanè Runners Team VI), secondo in categoria Master B con il tempo di 13:00.08; Cesare Lonardi (Traguardo Volante Racing VR), terzo in categoria Master B in 13:36.36, Maria Teresa Broccardi (Faizanè Runners Team), seconda Master B con il tempo di 17:45.29, e infine Angiolino  Zanardi (G.S.D. Mombocar VR), che conquista il terzo posto in categoria Master C in 20:57.33.

TRAIL CORTO
Il trail corto si è disputato sulla seconda parte del tracciato, con partenza dal Pian delle Fugazze fino a raggiungere la Selletta di Nord Ovest, e da qui le stesse tappe e gli stessi cancelli orari dell’Ultratrail; partenza alle  9, per la precisione da Malga Fratta, e poi 40 km con 2500 mt di dislivello positivo, da percorrere in un tempo massimo di 13 ore e mezza; 344 atleti regolarmente partiti, 18 ritirati.      
Fabio Ruga (La Recastello Radici Group) ha preceduto tutti a Valdagno, in 3:41.55, primo assoluto e di categoria Master A; qualche minuto dopo sono arrivati il veneto  Francesco Lorenzi (Vicenza Marathon), secondo di categoria Master A in 3:47.42, e Filippo Bianchi (Libertas Vallesabbia), categoria SM, 3:59.29.
Podio femminile composto da Barbara Bani (Freezone – BS), categoria SF,  prima assoluta in 4:10.47, Nicol  Guidolin (Evinrude – TS), seconda assoluta e prima in categoria Master A (4:32.31), e Chiara Giovando (Atletica Monterosa Fogu Arnad), terza assoluta e seconda Master A in 4:35.47.
Altri veneti in podio di categoria, oltre a Lorenzi,  sempre in ordine di arrivo: Luciano Meneghel (Scuola di Maratona Vittorio Veneto), primo in categoria Master B in 4:34.16, Milena Pasin (Tornado – VE), terza in categoria Master A (5:00.30),  Cristina Marchetti (Emme Running Team VI), prima in categoria Master B in 6:40.35  (preceduta da Maria Cristina Guasina in 6:05.09 che però non risulta tesserata Fidal), Antonio Zamai, (Gruppo Sportivo Alpini Conegliano), terzo in categoria Master C in 6:56.40, Natalina Masiero (Runners Padova), prima in categoria Master C femminile in 8:11.33    

I VENETI CAMPIONI ITALIANI (5 TITOLI)
Master A - donne) Francesca Pretto (SF40-Atl. Vicentina) prima assoluta  - Trail Lungo
Master B - donne) Cristina Marchetti (SF50-EmmeRunning Team – VI) - Trail Corto
Master C - donne) Natalina Masiero (SF65-Runners Padova) - Trail Corto
Master B - uomini) Stefano Maran (SM50-G.S. Alpini Vicenza)  - Trail Lungo
Master B - uomini) Luciano Meneghel (SM50-Scuola di Maratona Vittorio Veneto)  - Trail Corto

I VENETI AL SECONDO POSTO
Master A - donne) Alessandra Boifava (SF40-Ultrabericus team asd) seconda assoluta  - Trail Lungo
Master A - uomini) Lorenzi Francesco (SM35-Vicenza Marathon) - Trail Corto
Master B - uomini) Giorgio Guasina (SM55-Faizanè Runners Team) -- Trail Lungo

I VENETI AL TERZO POSTO
Master A - donne) Milena Pasin (SF35-Tornado) - Trail Corto
Master A - uomini)  Filippo Dal Maso (SM45-Faizanè Runners Team) - Trail Lungo
Master B - uomini) Cesare Lonardi (SM50-Traguardo Volante ASD VR) - Trail Lungo
Master C - uomini) Angiolino Zanardi (SM70-G.S.D. Mombocar VR) - Trail Lungo

TUTTI I RISULTATI - TRAIL LUNGO E TRAIL CORTO

Per segnalazioni scrivi a: marchi@fidalveneto.it.

Per altre notizie, vai nella sezione Area Master di questo sito.

Nelle foto di Federico Bruttomesso l'arrivo di Stefano Maran e Francesca Pretto.

Check Also

PREMIO MONDONICO PER TECNICI SPORTIVI IMPEGNATI NEL SOCIALE  

Nell’ambito dell’accordo di programma con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, realizzato da …