19 Ottobre 2019, 17:02

MASTER, I VENETI AGLI EUROPEI: 13 e 14 SETTEMBRE

BOUDALIA ALLA GRANDE ANCHE SENZA RECORD MONDIALE 
(a cura della Redazione Master) La notizia di apertura del resoconto del 13 e 14 settembre non può che essere dedicata a Said Boudalia e alla sua medaglia d’oro nei 5.000 M50 conquistata con il tempo di 14:59.70. Il fortissimo mezzofondista di origine marocchina trova un posto di diritto nelle cronache regionali FIDAL in quanto consigliere regionale e residente nel Veneto da lunghissimo tempo pur essendo tesserato con una società sarda. Per certi versi la medaglia d’oro era abbastanza scontata e infatti la sua prova è stata caratterizzata da una supremazia disarmante. Esistevano dei buoni presupposti per l’attacco alle migliori prestazioni master internazionali, ma, vuoi per le condizioni climatiche di temperatura - accettabili ma non ottimali - e soprattutto per il fatto di aver condotto la gara in testa in completa solitudine e doppiando quasi tutti gli avversari, il tentativo non ha centrato l’obiettivo per una manciata di secondi (7/8 secondi dai primati mondiale ed europeo). Seraficamente e con molto realismo Said ha affermato che ci saranno altre occasioni, meglio in occasione di gare assolute dove potrà trovare stimoli e collaborazione da parte degli altri concorrenti. E’ appena il caso di dire che la miglior prestazione italiana di categoria è stata polverizzata e migliorata di circa mezzo minuto.

La giornata in chiave veneta ha visto la conquista di altre tre medaglie di bronzo.

Massimo Furcas (Atl. Mogliano) è giunto terzo in una gara - quella degli 800 M35 - dagli elevati contenuti agonistici strappando con determinazione il terzo gradino del podio dopo il sesto posto dei 1500; un podio fortemente voluto, come lui stesso ha commentato: “posso dire che è stata la gara che ho sentito di più.. la più bella ed emozionante, anche per come sono arrivato a questa medaglia… ci ho sperato, la volevo e ci ho creduto con tutte le forze fino all’ultimo centimetro!”

Alfredo Bonetti (Atl. Biotekna Marcon) è anche lui terzo negli 800 per la categoria M60, beneficiando della caduta del concorrente francese in testa, e ottenendo il bronzo che si accompagna all’argento dei 1.500.

Meno tirata e ricca di colpi di scena, ma altrettanto significativa per l’atleta veneziana, la gara in cui Liviana Piccolo (Expandia Atl. Insieme VR) ha conquistato la medaglia nella prova dei 5000 W70 ed è salita così sul podio dopo il sesto posto nei 1500.

CHIUSURA D’ORO PER LA MARCIA  E LE STAFFETTE (CON DUE PRIMATI!)
Nella giornata del 14 settembre, Con la 20 km su strada si è chiuso il programma della marcia che si è disputato ad Eraclea. Dopo le quattro medaglie d’argento, quelle di Amatore Michieletto (Brema Running Martellago) - individuale in pista e a squadre su strada - e quelle di Roberto Piaser (Atl. San Biagio TV) - entrambe a squadre su strada - finalmente per un rappresentante veneto è giunta la soddisfazione di salire sul gradino più alto del podio. Dopo tre piazzamenti in quinta/sesta posizione individuale, infatti Igor Sapunov (GA Coin 1949 Mestre) ha vinto l’oro a squadre con gli M40. Degno riconoscimento per il forte marciatore di origine russa del quale va anche sottolineata la grande correttezza tecnica del gesto atletico: su tre gare disputate, mai nessuna proposta di squalifica!

Grandi soddisfazioni anche dalla gara più adrenalinica dell'atletica: le  staffette 4x100 dove, in maglia azzurra, hanno dato il loro contributo alcuni dei nostri migliori velocisti, che hanno fatto parte di 3 quartetti d’oro (due con la nuova miglior prestazione italiana), 2 formazioni d’argento e due di bronzo.Velocissimo il quartetto  4x100 M35, composto da due atleti veneti: Aligi Pasqualetto (Riviera del Brenta) e Edoardo Calderaro (Biotekna Marcon), capace di laurearsi Campione d’Europa nell’ottimo tempo di 42.91 che migliora il primato italiano per rappresentative nazionali di 9 centesimi (prec. 43.00 - E. Raspi, D. Biffi, A. Benatti, A. Gulino 2008).
Sul gradino più alto del podio anche Massimo Belotti (Atletica Vicentina), nella 4x100 M50, e il suo compagno di squadra Maurizio Ceola, medaglia d’oro tra gli M55. Per lui la soddisfazione  di aver risolto l’infortunio che lo aveva colpito nelle batterie dei 100 in un quartetto che con 47.02 ha migliorato significativamente la miglior prestazione italiana M55 per rappresentative nazionali (prec. 47.60 - A. Rossi, M. Stefan,  A. Caso, V. Felicetti - 2007) 
Bellissime medaglie d’argento per Cristian Marin (Riviera del Brenta) nella 4x100 M45 e per  Filippo Zanardo (Tortellini Voltan Martellago) con gli M75.
In campo femminile le atlete venete hanno contribuito a tre medaglie di bronzo. La prima, inattesa, per Marta Manfrin (ASD Km Team) che è “scesa di due categorie” per consentire alla 4x100 W35  di schierarsi alla partenza, la seconda ad opera Stefania Chizzali (Vittorio Atletica) nella categoria W40 e la terza di Gioia Bellucco (Expandia Atl. Insieme Verona) con le  W55. Per tutte la gioia della prima medaglia internazionale  master.

GLI ALTRI PIAZZAMENTI
Fra i risultati delle giornate da sottolineare, anche se non impreziositi dalla conquista della medaglia, il quarto posto del bellunese Dante Passuello (Atl. Vodo di Cadore) negli 800 M65, un’altra gara dove una caduta nel finale ha scombussolato i giochi; per lui uno scorcio di stagione caratterizzato da una serie di ottimi riscontri cronometrici sulla distanza.

Due buone prestazioni anche per Paola Pascon (Atletica San Biagio), anche lei quarta negli 800 W50 con 2:30.21, e Katiuscia Marchetti (Assindustria Sport Padova), che superando con  l’asta i 2.70 si è piazzata subito sotto il podio in categoria W45.

Meritano una menzione, pur non essendo tesserati per squadre venete, anche Carmelo Rado, M85, opitergino di nascita, vincitore di ben quattro titoli in questi europei, l’ultimo venerdì nel Pentathlon lanci, grazie ad un lancio del disco a ben 35.92 m che ha migliorato il suo stesso record del mondo, e ad  un punteggio complessivo non lontano dal record mondiale di categoria della specialità (anche questo già appartenente a lui), e il marchigiano Giuseppe Ottaviani, con i suoi 103 anni il “meno giovane” dei master in attività, applauditissimo nella sua prova di salto in lungo che gli è valsa l’oro e il titolo campione europeo di categoria.

Chiudiamo con il riepilogo delle medaglie e dei piazzamenti degli atleti veneti.

I VENETI AI PRIMI OTTO POSTI - GARE DEL 13 e 14 SETTEMBRE 2019

ORO
M50 - BOUDALIA Said (Cagliari Marathon) - 5000 - 14:59.70 m.p.i. 

BRONZO
W70 - PICCOLO Liviana (Expandia At. Insieme VR) - 5.000 - 25:39.19
M60 - BONETTI Alfredo (Biotekna Marcon) - 800 - 2:16.05
M35 - FURCAS Massimo (Atl. Mogliano) -  800 - 1:57.87

QUARTI POSTI
W45 - MARCHETTI Katiuscia (Assindustria Sport Padova) - Asta - 2.70
W50 - PASCON Paola (Atl. San Biagio TV) - 800 - 2:30.21
M65 - PASSUELLO Dante (Polisportiva Vodo di Cadore) 800 - 2:28.73
QUINTI POSTI
W55 - DE CONTI Olivetta (Atl. Sernaglia TV) - 5.000 - 22:44.77
SESTI POSTI
W45 - BELLAMIO Irene (Multisport And Fun Pd) - Asta 2.40
M35 - ZENNARO Stefano (Venezia Runners Atl. Murano) - 5.000 - 16:26.42
SETTIMI POSTI
W55 - TAGLIAPIETRA Lucia (G.S. Tortellini Voltan Martellago) - 5.000 - 24:58.96
M60 - PEDRINI Daniele (Expandia Atl. Insieme Verona) - 800 - 2:20.48
M60 - TRENTIN Virginio (Atl. San Biagio TV) - 5.000 - 18:22.52
OTTAVI POSTI
M45 - BORTOLOZZO Manuel (Atletica Mogliano) - 800 - 2:10.78
M45 - BERENGO Silvio (G.S. Alpini Vicenza) - 5.000 - 16:23.12
M50 - PRANOVI Marco (Atl. Riviera del Brenta) - 5000 - 17:01.58
M60 - ANDREOSE Lorenzo (Salcus Rovigo) - 5.000 - 19:02.54

I VENETI AI PRIMI OTTO POSTI - GARE DI MARCIA

QUINTI POSTI
M40 - SAPUNOV Igor (GA Coin Mestre) - 20 km Marcia - 1h48:37Con SCAFURO Francesco e DE LELLO Gennaro - ORO Marcia 20 km squadre M40
SESTI POSTI
M70 - PIASER Roberto (Atl. San Biagio TV) -  20 km Marcia - 2h15:23
Con FORMENTIN Ettorino e ABBO Ino - ARGENTO Marcia 20 km squadre M70

I VENETI MEDAGLIATI NELLE STAFFETTE 4 X 100
ORO
M35 - PASQUALETTO Aligi (Atl. Riviera del Brenta) - CALDERARO Edoardo (Atl. Biotekna Marcon) [1^ e 2^ frazione con PASQUATO Stefano - TOMASICCHIO Giovanni]  - 42.91 m.p.i.
M50 - BELOTTI Massimo (Atl. Vicentina) [1^ frazione con MARINI Leonardo - BARONTINI Roberto - COMPER Walter] - 45.59
M55 - CEOLA Maurizio (Atl. Vicentina) [2^ frazione con D'ORO Giancarlo - CANACCINI Carlo - MAZZOCCONI Paolo] - 47.02 m.p.i.

ARGENTO
M45 - MARIN Cristian (Atl. Riviera del Brenta) [4^ frazione con DI LEONARDO Francesco - LASSI Alessandro - RASPI Emiliano] - 45.01
M75 - ZANARDO Filippo (GS Tortellini Voltan Martellago) [2^ frazione con SANDRIN Aldo - CARNITI Romano - CAMBIAGHI Aldo] - 58.76

BRONZO
W35 - MANFRIN Marta (ASD Team KM Sport VR) [1^ frazione con FELLA Ivana - SERVADEI Silvia - PIERGALLINI Tanja] - 52.71
W40 - CHIZZALI Stefania (Vittorio Atletica TV)) [4^ frazione con R. Iovine, T. Cingolani e E. Di Padova] - 51.60
W55 - BELLUCCO Gioia (Expandia Atl. Insieme VR) [2^ frazione con PASINI Paola  - PERSICO Roberta Maria - SIGNORI Marinella] - 55.46

IL MEDAGLIERE  VENETO COMPLETO

TUTTI I RISULTATI

LE NEWS
MASTER, I VENETI AGLI EUROPEI:  5 E 6 SETTEMBRE
MASTER, I VENETI AGLI EUROPEI: 7 E 8 SETTEMBRE
MASTER, I VENETI AGLI EUROPEI: 9 SETTEMBRE
MASTER, I VENETI AGLI EUROPEI: 11 E 12 SETTEMBRE

Per segnalazioni scrivi a: marchi@fidalveneto.it

Per altre notizie, vai nella sezione Area Master di questo sito.

Articolo di Silvia Gottardo e Sandro Sandri - Redazione Master

Foto:  Said Boudalia in azione sui 5.000 (Credito: FOTO CASTAGNOLI), Massimo Furcas (Credito: Archivio Furcas), Liviana Piccolo (Credito: Archivio Piccolo), il podio della 20 km di marcia a squadre con Igor Sapunov (primo a dx) (Credito: Archivio Sapunov), il quartetto veloce M35 con Edoardo Calderaro (in piedi a sx) e Aligi Pasqualetto (primo da dx) ((Credito: FOTO CASTAGNOLI), la staffetta 4x100 M50 con Massimo Belotti , primo da dx (Credito: Archivio Belotti), la staffetta 4x100 M55 con Maurizio Ceola, secondo da sx (Credito: Archivio Ceola).

Check Also

ARRESTO CARDIACO, A TREVISO ATLETA SALVATO DAL DEFIBRILLATORE

Qualcuno lo definisce eroe. Lui preferisce dire che quello, in fondo, è il suo lavoro. …