12 Dicembre 2019, 11:30

TERMINANDO E RICOMINCIANDO: 96 TECNICI PER L’INCONTRO CON CESTONARO E MARELLO

Si è svolto sabato 23 novembre a Vicenza l’incontro di aggiornamento a cui hanno partecipato 96 tecnici, una buona partecipazione considerando che si veniva da un altro fine settimana di formazione estremamente interessante ed impegnativo.

I relatori sono stati Sergio Cestonaro e Maria Marello introdotti da Enzo Agostini e Marco Chiarello: “Promesse… mantenute”, il tema specifico. Sicuramente Daysi Osakue e Ottavia Cestonaro, le ragazze allenate dai due relatori, hanno saputo realizzare a livello assoluto i risultati che da loro ci si poteva attendere, dopo un'attività giovanile ricca di successi. Ma il titolo dell’incontro si riferiva anche alle promesse implicite o esplicite che atleta e tecnico si scambiano all’inizio della loro relazione sportiva.

Da parte dell’atleta: mettere in campo le sue energie fisiche e mentali. Da parte del tecnico: utilizzare tutte le sue competenze e il suo tempo per programmare con cura le varie fasi della preparazione a breve e lungo temine.

Gli scambi di esperienze e l’aggiornamento aiutano l’allenatore ad ottenere questo risultato. Per questo motivo, sono stati invitati Sergio Cestonaro e Maria Marello che hanno portato le loro esperienze pluriennali, dimostrando le loro notevoli capacità culturali e relazionali.

Le loro relazioni hanno evidenziato vari punti in comune in particolare: la necessità di creare un lavoro in equipe attorno all’atleta; il passaggio graduale dall’allenamento multilaterale a quello multidisciplinare fino a quello specialistico; il rapporto tra atleta e genitori da indirizzare nella giusta prospettiva.

Caratteristiche specifiche sono state, per Sergio Cestonaro, la necessità di intervenire sia nella fase di prevenzione che nella riabilitazione dopo gli infortuni trovando la collaborazione di specialisti; la gestione di una programmazione annuale generale e specifica, responsabilizzando l’atleta nel tenere il diario di allenamento rendendolo così maggiormente partecipe; il monitorare lo stato di forma, anche con test molto personali, per l’approccio consapevole alle competizioni più importanti.

Per Maria Marello, l’importanza del lavoro condizionale generale prima di affrontare la preparazione specifica; la cura e competenza in tema di postura, mobilità articolare, core stability; ancor più nello specifico l’importanza della policoncorrenza per stimolare il sistema nervoso centrale.

E’ importante che queste modalità di lavoro siano conosciute per aiutare a limitare oltre al non raggiungimento di risultati adeguati, l’abbandono della pratica sportiva anche da parte di atleti che a livello giovanile hanno ottenuto brillanti risultati a livello nazionale.

Check Also

EUROCROSS, FESTA FIAMME ORO: YEMAN CRIPPA CONQUISTA IL BRONZO

Un'altra medaglia internazionale per Yeman Crippa: l'azzurro conquista il bronzo agli Europei di cross sui prati di Lisbona. Al …