25 Maggio 2022, 3:13

TORNA RUN4HOPE, LA STAFFETTA PER LA RICERCA

Sostenere attraverso le donazioni dei podisti italiani l’impegno di AIL contro leucemie, linfomi e mieloma, anche nei confronti dei pazienti che stanno giungendo dall’Ucraina dall’inizio del conflitto, assistiti nelle numerose sezioni territoriali. È questo l’obiettivo della seconda edizione di Run4Hope, la staffetta di solidarietà in programma tra il 21 e il 29 maggio, presentata oggi pomeriggio a Roma, alla Camera dei Deputati nella Sala Salvadori. La presentazione nel cuore delle istituzioni è stata promossa dall’onorevole Paolo Paternoster che ha evidenziato come un progetto di tale portata meritasse una cornice come quella della Camera, auspicandone la crescita di anno in anno.

“Run4Hope offre l’immagine dell’Italia che piace. Vedo un ottimismo contagioso portato dai podisti italiani con l’idea di un evento inclusivo che comunica il pensiero che nessuno vada lasciato indietro - il commento della senatrice Stefania Pucciarelli - Come sottosegretario alla Difesa osservo con orgoglio l’impegno dell’Esercito e dell’Aeronautica. Voglio anch’io prendervi parte con l’idea che questo evento esalti anche le bellezze della nostra Italia”.

Il Generale di Divisione Gianpaolo Mirra per l’Esercito Italiano (comandante del Genio) e il Coll. Marco Angori dell’Aeronautica Militare (Capo Ufficio Pubblica Informazione) hanno sottolineato come i valori trasmessi da Run4Hope siano simili a quelli che quotidianamente contraddistinguono gli appartenenti alle forze armate nel servizio offerto alla collettività. Per questo motivo molti reparti in tutta Italia dei due corpi contribuiranno fattivamente al buon esito dell’iniziativa con spirito di generosità e altruismo. 

Per il presidente della FIDAL Stefano Mei - insieme al consigliere federale con delega al running Carlo Cantales - la corsa è sinonimo di unione e fratellanza. “È un dovere per la Federazione che rappresento favorire al massimo Run4Hope, che con la sua ramificazione territoriale incrocia le tantissime affiliate e i nostri comitati territoriali che la stanno sostenendo concretamente e che ringrazio”. 

Visivamente entusiasta della progettualità espressa dall’evento il presidente nazionale di AIL, Giuseppe Toro, che ha lodato i promotori per la capacità di promuovere lo sport e la salute così come le tante sezioni territoriali che saranno protagoniste dell’iniziativa: “I nostri pazienti che praticano attività sportiva ricavano notevoli benefici in termini terapeutici da tale abbinamento. Anche per questo Run4Hope ha il merito di promuovere solidarietà, partecipazione e sensibilizzazione”.

Massimo Giammetta, presidente di Run4Hope Italia Onlus, ha ricordato come il 21 maggio, in forma aperta e inclusiva, associazioni e singoli che vorranno infilarsi le scarpe e correre per la solidarietà potranno farlo ovunque: “Ognuno può fare un gesto piccolo o grande perché la solidarietà è un valore che unisce e mai come in questo momento ne abbiamo bisogno. A Roma, ad esempio, ci prepariamo a una bellissima staffetta dal Campidoglio a Piazza San Pietro”.

TUTTA ITALIA - Il testimone della Run4Hope Massigen 2022 passerà di mano in mano in tutto il territorio italiano grazie alle oltre 400 associazioni sportive iscritte, ai reparti dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare e a numerosi runners iscritti singolarmente. Oltre alla staffetta inaugurale di Roma, tra i molti luoghi di interesse si attraverseranno scenari unici, come per esempio la Valle dei Templi in Sicilia, Foro Italico a Palermo, piazza del Plebiscito a Napoli; piazza Duomo a Firenze nel contesto della 100km del Passatore, piazza San Carlo a Torino, piazza Unità d’Italia a Trieste, l’Arena Civica a Milano, Porto Antico a Genova, piazza Bra a Verona, piazza San Marco a Venezia, lo stadio Dall’Ara a Bologna, Matera, Assisi, Bari, piazza del Popolo a Pesaro, gli uliveti del Gargano in Puglia, la Valle di Comacchio in Emilia e la costa frastagliata della Sardegna. 

Check Also

“LA CORSA, LE MIE ALI”: LA BIOGRAFIA DI MANUELA LEVORATO

Da 21 anni è la donna più veloce d’Italia. Quasi ottomila giorni sono trascorsi da …