6 Dicembre 2021, 1:13

VERONA: WEEKEND DI CORSA TRA MARATONA, MEZZA MARATONA E 10 K

Domenica 21 novembre torna la maratona a Verona. L’evento, abbinato a mezza maratona e 10 km, è stato presentato ieri presso la Sala Arazzi del Comune di Verona. Tra gli intervenuti, l’assessore allo Sport di Verona Filippo Rando, il Presidente Onorario di Gaac 2007 Verona Marathon Natale Callipari, il Presidente di Gaac 2007 Verona Marathon Asd Stefano Stanzial, il consigliere della Fidal Veneto Daniela Malusa e il Presidente Provinciale della Fidal Emanuele Chierici.

LE GARE – Ben tre competizioni al via che coinvolgeranno oltre 5 mila persone provenienti da tutta Italia e da diverse nazioni europee. Si correrà in piena sicurezza sanitaria nel rispetto dei protocolli governativi e delle regolamentazioni della Federazione Italiana di Atletica Leggera che prevede in primis l’obbligo del Green Pass da parte di tutti i partecipanti oltre che il distanziamento e  l’uso della mascherina per i primi 500 metri di gara, nonché appena tagliato il traguardo. In cartellone, quindi, la  20^ Hoka Verona Marathon, gara internazionale dal percorso certificato 42,195 km, la 7^ Zero Wind Cangrande Half Marathon (21,097 km) e la Avesani Last 10k che si potrà correre sia in versione competitiva che non competitiva. Attesi in maratona i migliori maratoneti veneti a caccia del titolo di campione regionale veneto assoluto, promesse e master.

IL PERCORSO DI MARATONA E MEZZA - Dal 30 agosto 2017 la Commissione Nazionale italiana per l’UNESCO ha concesso il patrocinio alla Maratona di Verona, considerando che essa si corre nel centro storico della città, iscritta nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco dal 30 novembre 2000. Due giri identici da 21,097 km attendono i maratoneti che saranno affiancati dagli iscritti alla mezza maratona. Partenza ed arrivo nelle vicinanze dell’Arena, sul Liston in Piazza Bra da dove il percorso sfila dal centro città verso Porta Nuova, per poi procedere in zona procede in direzione Castelvecchio (km 3). Successivamente al km 4 si incontra la storica Chiesa di San Zeno e all’altezza del 5° km si incontra Porta Palio, da qui il percorso sfila velocemente lungo il Canale Camuzzoni fino al 9 km circa, dove si incontra la Diga del Chievo da cui i podisti attraversano l’Adige. Da qui correranno per 2 km quasi a toccare l’abitato di Parona per poi iniziare il ritorno verso il centro storico. In questa fase della gara sul Lungadige Attiraglio, Lungadige Cangrande e Lungadige Campagnola i runner possono approfittare per dare gas trattandosi di un tratto pianeggiante che li accompagnerà fino al km 18. Dalle rive dell’Adige, gli atleti avranno una veduta privilegiata dei monumenti della città, come la Torre dei Lamberti e il Museo di Castelvecchio, prima di attraversare l’Adige sul ponte Garibaldi. Si entra nel centro storico, l’ultimo tratto è quello più spettacolare, si attraversa Piazza Erbe, dalla quale è possibile ammirare da vicino la Torre dei Lamberti, coi suoi 84 metri, è ad oggi l'edificio più alto della città di Verona ed ospita le due campane, il Rengo, usata per richiamare il popolo a raccolta in caso di pericoli, e la Marangona, per scandire la vita quotidiana. Si costeggia la Basilica di Sant’Anastasia e Palazzo Barbieri, sede del Comune di Verona prima di ammirare e costeggiare l’Arena, il più grande anfiteatro romano ancora in uso, attivo da 1991 anni. Gli iscritti alla Cangrande Half Marathon termineranno le proprie fatiche mentre i maratoneti, acclamati dal pubblico disposto lungo il “Liston” inizieranno il secondo giro. I riferimenti per il secondo giro sono km 22 per Porta Nuova, Km 25 a San Zeno, Km 26 Porta Palio, Km 30 Diga del Chievo, Km 35 Lungadige Attiraglio, Km 40 sul Ponte Garibaldi e 42,195 finish line sul Liston, di fianco all’Arena.

LA MEDAGLIA Come da tradizione, la medaglia commemorativa dell’evento racconta un pezzo della storia di Verona, un particolare storico di pregio della città che ricorderà ai podisti la bellezza dell’evento. La medaglia di quest’anno è un capolavoro frutto di un progetto realizzato da ABW Architetti Associati in collaborazione con GiuliettaVerona. Un oggetto color argento con il cordino rosso, giallo o arancio che tradizionalmente sono associati rispettivamente a Verona Marathon, Zero Wind Cangrande Half Marathon e Avesani Last 10k. La trama, molto fine, rappresenta le Arche Scaligere, uno dei siti più suggestivi della città. Si tratta di un sepolcro monumentale, maestoso e scenografico costruito in stile gotico per volere della famiglia degli Scaligeri e destinate a contenere le tombe di alcuni illustri rappresentanti della casata, tra cui quella del più grande Signore di Verona, Cangrande, a cui Dante dedicò il Paradiso. Riconosciute come da uno storico francese come uno dei più insigni e significativi monumenti dell'arte gotica costituiscono un celeberrimo simbolo della città scaligera.

IL PROGETTO ARCHEORUNNING – Per tantissimi atleti, la partecipazione ad una manifestazione podistica è anche l’occasione per un viaggio alla scoperta di una città e per vivere un weekend culturale insieme magari agli amici o la famiglia. Il binomio runner e cultura è perfettamente sposato in una città che abbonda di storia e di arte come Verona e da ArcheoRunning, il progetto della guida turistica-preparatrice atletica Isabella Calidonna, storico dell’arte, tecnico FIDAL, preparatore fisico Coni, guida turistica abilitata su territorio nazionale, guida didattico-museale per persone con deficit visivo e problemi dello spettro autistico. che invita ad addentrarsi nella cultura di una città praticando jogging. In occasione della Hoka Verona Marathon, Zero Wind Cangrande Half Marathon e Avesani Last 10k, sarà possibile prenotare il tour ArcheoRunning e, praticando jogging, attraversare i luoghi più rappresentativi di Verona scoprendone storie e aneddoti. Si potrà partecipare da venerdì 19 a lunedì 22 novembre, prenotando la propria visita della durata di 1.30/2 ore.

HEALTH COACHING ACADEMY – Nata sei anni fa da da una business unit dell’azienda FIPES GROUP, leader dal 2003 nella formazione sanitaria e accreditata al Ministero della Salute e riconosciuta dall’Università Popolare degli Studi di Milano, Health Coaching Academy (HCA) ha da sempre la mission di far comprendere agli individui quanto sia importante il concetto di salute e di consapevolezza della stessa. Lo scopo dell’Accademia è quello di sviluppare il potenziale, le performance e migliorare il ben-essere psico-fisico-emozionale delle persone per guidarle e sostenerle nel comprendere e realizzare, in modo autonomo e consapevole, il loro progetto di vita personale e professionale, affinché si possa divenire individui appagati. Quest’anno 24 allievi di HCA parteciperanno agli eventi Verona Marathon del 21 Novembre, una data particolarmente felice in quanto in questo periodo si svolge la festa annuale dell’Accademia, un’occasione anche per fare del bene grazie alla raccolta fondi per ultimare la costruzione di un orfanotrofio in Congo. (da comunicato stampa organizzatori).

Check Also

BAMOUSSA E L’ETIOPE WOLKEBA FANNO CIN CIN ALLA PROSECCO RUN

Il cin cin dell’undicesima Prosecco Run è quello di Abdoullah Bamoussa (Atletica Brugnera Friulintagli) e …